Ed è finito maggio

È passato parecchio tempo da quando non scrivo in questo piccolo contenitore. Prometto che non succederà più. Lo prometto e spero che le giornate migliorino un pochino almeno entro il mio compleanno, il 1 luglio. Lo scrivo sconcertato dato che oggi ho acceso per l’ennesima volta il riscaldamento. Qui si naviga veloci. Nelle ultime settimane ho riscoperto il piacere di vedere molti film, recuperando qualche pezzo che mi ero dimenticato di avere e ordinando qualcosa di nuovo che arriverà nei prossimi giorni. È anche questo un modo per combattere l’assoluta mancanza di sole che mi costringe chiuso in ufficio da praticamente tutto l’inverno.

Comunque, in queste settimane mi ha di nuovo tenuto compagnia l’avventura di Frodo e i suoi amici, un romanzo senza tempo che mi fissa con aria superba dallo scaffale e mi intriga, mi rapisce nelle sue storie come mai nessun altro. Mi manca qualcosa di Tolkien, il Silmarillion, altri racconti e attendo ovviamente l’uscita di un film sulla sua vita, che ritengo altrettanto adorabile quanto la casa di uno spensierato hobbit.

Da un punto di vista musicale ci sono parecchie nuove uscite, sto riascoltando senza freni il nuovo disco dei Vampire Weekend, in particolare la prima traccia in cui presta la propria voce anche Danielle Haim, la cui foto ho appesa alla parete come uno dei poster più belli che io abbia mai avuto, quello di un concerto tenuto qualche anno fa a Berlino.

Politicamente parlando, beh, le elezioni europee sono andate male, come mi aspettavo, ma tuttavia sono sereno per aver votato nuovamente in quello in cui credo. Finché ci sarà concesso – e dovrei usare il condizionale -, è meglio poter mettere una bella croce su un simbolo che ci rappresenti pienamente, no? Non so se, come diceva Carlo Marx, “La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa“, ma spero di non arrivare nemmeno a provare la seconda. L’Europa vive da 74 anni senza guerra ed è meglio non alimentare certi pensieri.

Mi è tornata la mania del podcast e consiglio a tutti un bellissimo format ideato da Ilenia Zodiaco e Valentina Tomić che si intitola Quasidì che loro stesse indicano come “un podcast e una newsletter contro lo scoramento dei tempi moderni, il cui proposito ambizioso è renderci più gentili e umani gli uni con gli altri”. Sono giovani e sono molto brave, qui sotto trovate la loro “avventura” radiofonica (se così si può dire):

Ascolta “#10 – Revenge porn” su Spreaker.Ma prima che mi dimentichi, ho visto l'ultima stagione del Trono di Spade, soddisfatto? Ni...ma ci sarà tempo per parlarne più diffusamente nei prossimi giorni, devo ancora somatizzare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *