Il ritorno del re

Sono tante le pagine che portano alla scoperta dell’avventura di Luke. Stephen King riesce ancora una volta a raccontare una storia che ha il potere di affascinare e di sorprendere, capitolo dopo capitolo, ogni lettore, dal più fedele alle esperienze del re letterario del Maine al più reticente e finora attratto da tutt’altro genere di scrittura. Continua a leggere

Shining, la “luccicanza”

Ho letto con un grave ritardo di qualche lustro questo romanzo generazionale di Stephen King. Non so come mai sia successo, dopo aver visto il film di Kubrick non ho pensato a prendere in mano il testo originale dell’opera. Ma forse con gli occhi di oggi sono riuscito a godermi ancora di più un thriller psicologico degno di nota, che si avvicina ai temi dell’horror ma non è mai del tutto così “terrificante” come forse appare nel lungometraggio Continua a leggere

Un amore

Questo libro parla di amore, di un certo tipo di amore che va oltre ogni cosa e non è solo drammaturgia da pochi spiccioli. A scriverlo è uno come Dino Buzzati, che osserva la metropoli milanese e vi ambienta una storia destinata subito a suscitare, sin dalla sua pubblicazione, un assonante vociare di riflessioni che continuano a non avere riposo ed ad avere come tema: l’amore. Continua a leggere

La balena più sola al mondo

Tutte le balene sono in grado di comunicare tra loro a grandi distanze, ma il traffico navale crescente lo rende sempre più difficile. È comunque un problema sormontabile se paragonato a quanto deve sopportare la “balena più sola al mondo”. La balenottera comune normalmente comunica a una frequenza di 20 hertz e sente solo i suoni che si avvicinanano a tale frequenza. Ma qualche anno fa, un gruppo di sbalorditi cetologi ha scoperto una balenottera comune con un handicap del tutto particolare: canta a una frequenza di circa 52 hertz. Il che significa che nessun’altra balenottera può sentirla, e così la poveretta si tritrova tagliata fuori da ogni rapporto sociale con le sue congeneri. Forse credono sia muta, che appartenga a un’altra specie o che sia un’eccentrica asociale. “La balena più sola al mondo” se ne sta per conto suo. E neppure segue le vie migratorie delle altre per i mari del pianeta.

[Morten A. Strøksnes, Il libro del mare, traduzione di Francesco Felici, Milano, Iperborea 2017, p. 67]

Per chi suona la campana

Difficile parlare di Ernest Hemingway, difficile ancor più a 80 anni di distanza dagli episodi su cui si incentra un romanzo come Per chi suona la campana. Uno dei più importanti dello scrittore americano e per molti un’immancabile lettura che ha raccontato un tratto di una guerra civile che ha fatto da apripista al secondo conflitto mondiale. Continua a leggere

L’uomo che voleva uccidermi

La notte è fredda e umida nel valico di Mitsuse, un luogo adatto per un omicidio, efferato, inconfessabile, spaventoso. Yoshino ancora non lo sa ma è lì che si concluderà la sua giovane vita. La notte del 9 dicembre 2001 ha appuntamento con un giovane conosciuto su un sito di incontri, ma di fronte alle amiche dice che uscirà con il suo ragazzo, Masuo, con il quale si frequenta da tempo.

Continua a leggere

Berta Isla

Berta e Tomàs appartengono a due mondi diversi, lei madrilena, lui londinese. Il loro inevitabile amore nasce sui banchi di scuola, forse troppo presto per le relative età. Sono l’immagine di un incontro in cui bellezza e principi morali la fanno da padroni. Ma la loro distanza, fisica, per il lavoro di Tomàs, li vedrà costretti ad aspettarsi e desiderarsi più del dovuto.

Continua a leggere