Fleabag 2, un capolavoro contemporaneo di inequivocabile sarcasmo

Mi sono detto: “No, dai questa volta inizio a guardare Fleabag senza farmi prendere dalla frenesia, puntata, un po’ di giorni, puntata, un po’ di giorni, puntata, ecc.”. Il problema è che quando Phoebe Waller-Bridge ti guarda dalla sua parte dello schermo, io proprio non riesco a resistere, butto nel cesso il mio proposito da buon visitatore seriale e mi sparo 5 o 6 puntate “di fila” della seconda stagione di Fleabag (su Amazon prime). L’ultima, si dice, speriamo di no, e ora vi spiego perché. Continua a leggere

The Sinner, una grande intrepretazione di Jessica Biel per una serie che è già cult

Vittima di un pomeriggio primaverile, costretto in casa dalla pioggia, ho iniziato a vagabondare tra le offerte di Netflix. Molto spesso è un processo che richiede dai 30 ai 60 minuti. Momenti in cui stai li, col telecomando in mano, incerto su cosa vedere.

In questo girovagare mi è saltata agli occhi l’immagine sfuggente di Jessica Biel, che non rivedevo da parecchio tempo. E così, in un piovoso pomeriggio di maggio ho iniziato a vedere The Sinner, una serie tratta dall’omonimo romanzo della scrittrice tedesca Petra Hammesfahr, di cui, tra l’altro, la Biel è anche produttrice esecutiva. Continua a leggere

Sansa Stark, ode a lei, da principessa a regina di Grande Inverno

Ode a Sansa Stark.
E non perché sia di certo la più bella.
La è.

Ma perché il suo personaggio è cambiato così tanto, caratterialmente e a livello narrativo, da non avere eguali nella storia del Trono di Spade. La sua immagine di fanciulla, viziata da una famiglia per bene, innamorata di uno sbarbatelo ragazzino, un principe biondo è lontana anni luce da quella di una donna che sa di avere in mano un potere, di essere una regina e di averne viste anche troppo (persino un esercito di non morti che la assediano nelle cripte del castello).  Continua a leggere

ESSERE DISPONIBILI

ZOE:

Sono stata promossa corrispondente alla Casa Bianca. Dovrò viaggiare con la stampa, partecipare alle riunioni. Io posso provare a evitarle. Se ti servo, non cambierà niente.

FRANK:

Oh, ti sbagli, questo cambia ogni cosa.

ZOE:

Io so essere molto flessibile.

FRANK:

Io non sono interessato a chi è flessibile. Sono interessato a chi è disponibile.

ZOE:

Quindi credi che dovrei rifiutare?

FRANK:

La decisione è soltanto tua.

ZOE:

Beh insomma, non è ancora ufficiale…

FRANK:

Senti adesso devo andare ma chiamami quando deciderai di essere di nuovo disponibile.