Opporsi all’inesorabile marcia dell’entropia

“Questo è un libro sul cuore, sulla concezione che ne ha la medicina, sul modo migliore in cui potremo vivere con i nostri cuori – e grazie a loro – nel prossimo futuro. L’importanza vitale di questo muscolo per la comprensione che abbiamo di noi stessi non è casuale. Il cuore è l’ultimo organo a smettere di funzionare, ma anche il primo a svilupparsi: comincia a pulsare quando il feto ha appena tre settimane di vita, prim’ancora che ci sia sangue da pompare. Da quando nasciamo a quando moriamo, batte all’incirca tre miliardi di volte. La mole di lavoro che esegue è sbalorditiva. Ogni pulsazione attiva una forza sufficiente a far circolare il sangue attraverso quasi 160 000 chilometri di vasi. La quantità di sangue che attraversa mediamente un cuore adulto in una settimana potrebbe riempire una piscina da giardino. Ma la vita che il nostro cuore alimenta può essere spazzata via in un secondo. Quando il muscolo cardiaco si ferma, la morte è repentina. Se esistere è un continuo opporsi all’inesorabile marcia dell’entropia, il battito cardiaco è il fulcro di questo conflitto. Fornendo energia alle nostre cellule, ne contrasta la tendenza al disordine e al caos.”

Sandeep Jauhar, Il Cuore – una storia, Torino, Bollati Boringhieri, 2019

Il ritorno del re

Sono tante le pagine che portano alla scoperta dell’avventura di Luke. Stephen King riesce ancora una volta a raccontare una storia che ha il potere di affascinare e di sorprendere, capitolo dopo capitolo, ogni lettore, dal più fedele alle esperienze del re letterario del Maine al più reticente e finora attratto da tutt’altro genere di scrittura. Continua a leggere

Neil Gaiman

Credo in un dio tutto mio che si preoccupa per me e protegge tutte le mie azioni. Credo in un dio impersonale che ha messo in moto l’universo e poi è andato a spassarsela e non sa nemmeno che esisto. Credo in un universo privo di dèi mosso da caos, rumore di fondo e una grande fortuna.

da “American Gods”